Cavese: contro il Matera per riprendere la legge del “Lamberti”

Gli aquilotti vogliono tornare al successo tra le mura amiche ripartendo dal nuovo modulo adottato a Pozzuoli

42
Cavese contro il Matera per riprendere la legge del “Lamberti”

Cavese: contro il Matera per riprendere la legge del “Lamberti”. Gli aquilotti vogliono tornare al successo tra le mura amiche ripartendo dal nuovo modulo adottato a Pozzuoli. Contro i lucani, mai perdenti in precedenza

Dopo aver perso l’imbattibilità casalinga, la Cavese deve assolutamente riprendere a far valere la legge del Simonetta Lamberti interrotta, bruscamente, 15 giorni fa contro il Barletta. Più si allunga un record positivo e più amaro è il boccone da digerire quando lo si perde, purtroppo è così e la tifoseria blufoncè ha dovuto patire questa emozione dopo circa un anno e mezzo.

L’ultimo stop si ebbe il 31 Marzo 2021, quando a Cava de’ Tirreni passò il Potenza per 0-2 in quello che fu il recupero della 27°giornata, ma quello era l’anno della mortificante e pronosticata retrocessione, con gli aquilotti che, in quell’annata, tra le mura amiche, dovettero cedere l’intera posta in palio per ben 12 volte. Da allora, il fortino dell’impianto di corso Mazzini era diventato inespugnabile, con 17 vittorie e 4 pareggi (inclusi i successi nelle gare dei play-off e di Coppa). In ogni caso, l’undici di Troise è chiamato a riprendere la strada verso il salto di categoria ed a tallonare la capolista Casarano.

Contro il Matera, molto probabilmente, non ci saranno stravolgimenti di modulo visto che il 3-4-3 adottato a Pozzuoli, limato più volte in 4-4-2 e di 3-4-1-2, ha sicuramente dato un’immagine diversa seppure in maniera discontinua. L’obiettivo primario è quello di non concedere più il primo tempo agli avversari, caratteristica quasi sempre in evidenza in questo scorcio iniziale di campionato, dopodiché bisognerà fotocopiare il secondo tempo di Pozzuoli, con la giusta intesa tra i reparti.

I precedenti

Nella storia, le due realtà si sono incrociate a Cava de’ Tirreni quattro volte, con la Cavese che non ha mai perso punti contro i lucani: prima due pareggi e poi due vittorie. La prima volta risale all’anno 1977/1978, quando, nell’allora campionato di Serie C/C, il confronto terminò 0-0, mentre ci fu l’1-1 l’anno successivo, quando fu battezzata la nuova Serie C1 (girone B).

Nell’anno 1980/1981, sempre in Serie C1/B, la Cavese vinse con un rotondo 3-0 prima di salutare i biancoazzurri per ben 37 anni. L’ultima sfida, infatti, risale nell’anno 2018/2019 in Serie C/C, quando, nella sfortunata annata degli ospiti conclusasi per loro anzitempo per dissesto finanziario, gli aquilotti vinsero per 3-1.

Per quanto riguarda la gara odierna, la Cavese è obbligata a dare il meglio (come lo sarà per tutto il campionato), mentre il Matera tenterà di riprendersi dalle due sconfitte consecutive (Nardò in casa e Gladiator in trasferta), dopo l’exploit di Molfetta all’esordio in campionato (3-4): una matricola che ha come obiettivo una salvezza tranquilla anche se in organico possiede alcuni elementi di un certo spessore, come il difensore Figliomeni, il centrocampista Vicente e l’attaccante Piccioni. Tra i lucani c’è l’ex Zielski ed il miglior marcatore, al momento, risulta Tiganj con i suoi 3 gol. Il fischio d’inizio sarà alle ore 15:00 ed arbitrerà il Sig. Luca Selvatici di Rovigo, coadiuvato dagli assistenti Marco De Simone di Roma 1 e Samuele Petrakis di Siena.

Andrea Siani

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano