Salgono a 11 le vittime della frana di Ischia, dopo che oggi sono stati recuperati altri tre corpi. All’appello manca ancora un’altra persona dispersa, Maria Teresa Arcamone. I soccorritori sono al lavoro incessantemente, in previsione dell’arrivo già da domani sull’isola di una nuova perturbazione meteo.

Le operazioni di ricerca della 31enne Maria Teresa Arcamone, però, potrebbero dover rallentare o addirittura essere sospese – come dicono le previsioni meteo – nelle prossime ore su Ischia si abbatterà una nuova ondata di maltempo.

È anche pronto un piano di evacuazione per circa 300 famiglie che si trovano all’interno della zona rossa, se le condizioni dovessero peggiorare. “Per quanto riguarda gli sfollati siamo intorno alle 300 persone, con 59 minori. Sono tutti collocati o in strutture alberghiere o in abitazioni private presso familiari”, chiarisce il prefetto di Napoli, Claudio Palomba.

“Non possiamo escludere nuovi smottamenti”, ha detto il ministro con delega alla Protezione Civile Nello Musumeci, intervenendo in mattinata alla Camera dei deputati. Ancora più precise le stime del prefetto, che in un punto stampa ha detto che “in totale sono stati verificati 1.134 edifici, mancherebbero pochissime unità” da controllare ed “entro stasera dovremo completare tutta l’attività. Gli edifici da sgombrare sarebbero intorno ai 600. Il lavoro che si farà in queste ore è quello di indicare alla popolazione, in caso di allerta gialla o arancione, di allontanarsi temporaneamente dagli edifici nella fase di allerta”.

In caso di allerta meteo le persone che dovranno lasciare le proprie case “sono oltre mille, probabilmente 1.300”, ha detto ancora il prefetto.

Pasquale Cirillo

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteIschia: protezione civile Campania, pec non bastano per salvare coscienza
SuccessivoDroga, armi ed estorsioni, operazione antimafia a Salerno: sequestri per un milione di euro
Nel 1971, spinto dalla passione per il giornalismo, fondò "il Gazzettino vesuviano", giornale che fino ad oggi ha raccontato e continua a raccontare la storia e vicende dell'area vesuviana. Per anni ha collaborato con il quotidiano il Mattino di Napoli. Oggi continua a seguire e a guidare il suo giornale come Direttore Editoriale e facendo da punto di riferimento per tutti i giovani che si affacciano al mestiere dell'informazione. Per lui, nonostante la tanta fatica profusa, il Gazzettino vesuviano resta sempre quella grande e splendida avventura intrapresa da ventenne, in compagnia di pochi amici. "Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli) "Considero il giornale un servizio pubblico come i trasporti pubblici e l’acquedotto. Non manderò nelle vostre case acqua inquinata". (Enzo Biagi)