pimonte fratielle e surelle

Riscoprire le tradizioni e lanciare un messaggio di speranza, tra pandemia e guerra: è con questo spirito che si è concluso a Pimonte, questa mattina, l’evento “Fratielle e surelle, dodici stelle e un falò” in versione pimontese. Una tradizione tipica di Castellammare, che è stata però “esportata” nella cittadina dei monti Lattari, ex presidente della Pro Loco originario della città stabiese.

Pimonte, concluso l’evento “Fratielle e surelle, dodici stelle e un falò”: “Un appuntamento importante”

Ieri sera, prima della dodicesima stella, nella frazione Tralia si è tenuta la solenne veglia, con la benedizione e l’accensione di un falò. Questa mattina invece, spazio alla tradizionale processione prima della celebrazione della Santa Messa. L’evento è stato organizzato dal comitato “Dodici stelle e un falò”, in collaborazione con la parrocchia della Beata Vergine Immacolata di Tralia. Per 12 mattine, per le strade del paese c’è stato il canto di “Fratielle e surelle”, a cura del maestro Aniello Cuomo, definito da tutti “l’usignolo dei Monti Lattari”.

“Abbiamo deciso di rinnovare anche quest’anno un appuntamento importante”

L’evento è entrato ormai a pieno titolo anche nel dna dei pimontesi. – afferma Biagio Donnarumma – Abbiamo deciso di rinnovare anche quest’anno un appuntamento importante, che rievoca uno dei più importanti e tradizionali riti del passato. Proprio con Fratielle e surelle, infatti, si dava anticamente il via al periodo natalizio, onorando l’Immacolata Concezione. Voglio fare i miei complimenti al maestro Cuomo, uno dei pochi che sente davvero il significato di questa festa. Un grazie particolare va anche al parroco don Antonino Lazazzera”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano