vico equense pescherecci

Per tutto il giorno hanno rubato oggetti incustoditi sui pescherecci nel porto: dopo una giornata di “pedinamenti” in mare i carabinieri sono riusciti a fermarli a Vico Equense. Sono stati denunciati tre giovani che, a bordo di una barchetta col motore in avaria, sono stati trainati fino alla terraferma nel porto di Marina di Seiano.

Vico Equense, rubano oggetti sui pescherecci: tre giovani denunciati

E’ tarda serata e alcuni pescatori del borgo di Marina Grande di Sorrento compongono il 112. Raccontano di tre persone in barca che si aggirano tra i pescherecci attraccati in porto, probabilmente per rubare ciò che non era custodito in coperta. I carabinieri della sezione radiomobile e della stazione di Sorrento arrivano in porto e si posizionano discretamente tra le banchine in attesa. Grazie agli stessi pescatori, i militari scoprono che l’imbarcazione aveva virato sotto costa, diretta a Meta di Sorrento. Il dispositivo si sposta e ancora una segnalazione di pescatori dirotta l’attenzione verso Seiano.

I ragazzi sono stati perquisiti e denunciati

E’ lì che i tre comprendono di non avere altra scelta che rimanere in mare perché tutti gli approdi erano presidiati e monitorati anche dalla “rete” informativa dei pescatori. Anche questa scelta si è rivelata perdente perché i militari hanno compreso le loro intenzioni e li hanno raggiunti con un’altra imbarcazione. Impossibile fuggire considerato che il motore fuoribordo su cui contavano i tre aveva sventolato bandiera bianca. Trainati fino al porto di Seiano i tre, tutti giovani tra i 18 e i 23 anni, sono stati perquisiti e denunciati. A bordo un’ancora artigianale, un frigorifero per la pesca, una forcina e un serbatoio risultati tutti provento di furto.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteRaffaele Imperiale e il business dell’oro: così il boss del narcotraffico investiva i proventi della cocaina
SuccessivoCastellammare, all’Immacolata vince ancora l’illegalità: falò illegali in tutti i quartieri
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.