san sebastiano rapina

Rapina una sala slot a San Sebastiano al Vesuvio poi affida la pistola al figlio minorenne: i carabinieri arrestano entrambi. L’episodio avviene nella tarda serata di ieri, alle ore 23 circa. Un’auto parcheggia nei pressi di una sala slot in via Matteotti. Il conducente esce dal veicolo già travisato, pistola in pugno.

La mostra ai dipendenti e chiede l’incasso. La pistola è un ottimo deterrente per eventuali reazioni e il titolare consegna senza battere ciglio circa 1500 euro in contanti. Il rapinatore esce dal locale, torna in auto dove lo aspetta una seconda persona, ingrana la prima e fugge. I carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio arrivano pochi istanti dopo, allertati dal 112.

Rapina una sala slot a San Sebastiano al Vesuvio poi affida la pistola al figlio minorenne: arrestati

Analizzano le immagini di videosorveglianza e riconoscono l’uomo armato e il veicolo che guida. Non hanno dubbi e lo raggiungono a casa. L’auto non è ancora rientrata, le luci dell’appartamento sono ancora spente. Si posizionano in modo da non essere visti, pronti a intervenire. Pochi minuti dopo due fari illuminano la strada e l’auto poco prima ripresa dalle telecamere si ferma, freno a mano tirato.

Il conducente esce dall’auto, addosso gli abiti immortalati dalle telecamere: comprende subito di essere stato smascherato. Il passeggero spalanca lo sportello e fugge a gambe levate, correndo tra i campi. Sembra molto giovane. E’ lui a portare la pistola ed è lui che se ne libera lanciandola via. Uno dei militari lo tallona, l’altro è già riuscito ad evitare che l’autista ripartisse in macchina.

Il giovane è veloce ma il carabiniere è altrettanto agile

Intanto la corsa continua, il giovane è veloce ma il carabiniere è altrettanto agile. Lo raggiunge e lo immobilizza. E’ un ragazzino, il suo volto ancora imberbe. A finire in manette Lino Piccolo, 45enne del posto già noto alle forze dell’ordine e suo figlio appena 14enne. Sequestrata l’arma utilizzata verosimilmente per la rapina, una glock cal. 40 con matricola abrasa e 7 proiettili nel serbatoio.

Il 45enne è stato portato in carcere, per il giovane complice si sono aperte le porte del Centro di accoglienza dei Colli Aminei. Sono entrambi in attesa di giudizio, dovranno di rispondere di rapina e porto abusivo di arma clandestina.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteQatargate, de Magistris: “Manfredi a Napoli sceglie Cozzolino per gestire i fondi del Pnrr”
SuccessivoEterna Pompeii: ecco il documentario dedicato al restauro della Casa dei Vettii (FOTOGALLERY)
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.