castellammare raid vandalico

Doppio raid vandalico a Castellammare di Stabia. Finite le festività natalizie, tornano le azioni mirate a distruggere (o comunque a danneggiare) i beni pubblici. Il primo atto violento si è verificato in villa comunale, dove alcuni sconosciuti hanno imbrattato e divelto le giostrine dedicate ai bambini. A fare l’amara scoperta sono stati, ieri mattina, alcuni cittadini che si erano recati sulla passerella del lungomare per fare jogging.

Doppio raid vandalico a Castellammare: nel mirino la villa comunale

Oltre ai danni notevoli alle giostrine, sono stati imbrattati con disegni fallici anche i segnali stradali e le ringhiere della stessa villa comunale. Subito è stata fatta la segnalazione alle forze dell’ordine. Sul caso sono partite le indagini degli agenti di polizia municipale, agli ordini del comandante Antonio Vecchione e del tenente Donato Palmieri. Una situazione di disagio che si ripete,visto che già a Capodanno la villa stabiese si presentò in condizioni pietose.

Tra rifiuti e scarti di cibo, a materiale esplodente utilizzato nella notte di San Silvestro, gli operatori ecologici furono costretti agli straordinari per rimettere a nuovo l’intera area. Adesso i vandali hanno deciso di prendersela anche con le giostrine dedicate ai più piccoli. Ma non è tutto.

Il caso di piazzetta Bracco: ipotesi piazza di spaccio

Un altro episodio sul quale indagano le forze dell’ordine si è verificato al rione San Marco, nello specifico in piazzetta Bracco. In quest’area della città, oltre al disagio provocato dalle scritta sui muri e sulla pavimentazione della piazzetta contro le forze dell’ordine comparse nei giorni scorsi, ad inquietare è un messaggio che, per le forze di sicurezza pubblica, potrebbe indicare l’apertura di una nuova piazza di spaccio.

Sono infatti comparse delle scarpe da ginnastica sui fili della corrente elettrica. Un’attività che diversi residenti hanno già segnalato ai carabinieri, dopo la presenza in piazzetta (soprattutto nelle ore serali e notturne) di giovanissimi sospetti. E in una lettera anonima arrivata alle forze dell’ordine, alcuni residenti di via Bracco sospettano che in questa zona della città si consumi abitualmente droga e che possa esserci un nuovo giro di spaccio di erba e cocaina.

Da qui, la richiesta di intensificare i controlli nell’area situata a poche decine di metri dallo stadio “Romeo Menti”. Proprio nei giorni scorsi, i commissari prefettizi hanno annunciato il potenziamento del sistema di videosorveglianza in città. Un elemento indispensabile, per combattere il fenomeno dei raid vandalici e delle nuove piazze di spaccio.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteGuide turistiche a Pompei ed Ercolano, presentato l’ennesimo disegno di legge
SuccessivoCastellammare, caos ospedale “San Leonardo”: pochi medici e maxi-afflusso di pazienti
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.