Scarichi abusivi di reflui industriali e gestione illecita di rifiuti: sequestri in azienda agricola ad Agerola dove i carabinieri del Noe di Napoli, in esecuzione di una delega d’indagine della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno apposto i sigilli a una parte di un’attività di produzione di prodotti alimentari.

Agerola, scarichi abusivi nel corso d’acqua: blitz del Noe al burrificio “La Goccia Bianca”

Si tratta del burrificio “La goccia bianca srl”: nei capi d’accusa è contestato anche il reato di impedimento del controllo. Dalle indagini è infatti emerso che il lavoro dell’azienda si sarebbe svolta in violazione della normativa ambientale in relazione allo scarico nei corsi d’acqua e alla gestione dei rifiuti.

In particolare, da ciò che comunica la Procura di Torre Annunziata, i militari avrebbero accertato che nel piazzale antistante l’area adibita a parcheggio degli automezzi, vi era uno stoccaggio abusivo di varie tipologie di rifiuti, anche pericolosi, costituiti da parti di veicoli fuori uso, rifiuti organici, imballaggi misti in plastica, rifiuti e scarti provenienti dall’attività di demolizione, parte combusti, segno evidente del tentativo di smaltirli a mezzo combustione.

Scarico abusivo nel torrente “La Rossa”

Inoltre, a seguito di prova idraulica, condotta con l’utilizzo di colorante naturale, è stata individuato una scarico abusivo, attraverso un apposito by-pass, delle acque meteoriche di dilavamento del piazzale, piazzale dove erano stoccati i rifiuti, nel corpo idrico denominato torrente “La Rossa”, ricadente tra l’altro in area soggetta a vincolo paesaggistico. Sulla scorta di quanto accertato, la polizia giudiziaria delegata ha proceduto al sequestro del by-pass e dell’area di stoccaggio dei rifiuti.

“Il sequestro si è reso necessario – ha spiegato il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – al fine di evitare la compromissione ulteriore dell’ambiente circostante e del corso d’acqua, in quanto i reflui industriali recapitavano direttamente nello stesso”.

(Immagine di repertorio)

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano