Paura alla Galleria Principe di Napoli, crolla un pezzo di cornicione

Per fortuna nessun ferito in via Pessina. L'area è ora transennata. Anche i senzatetto lasciano l'area

Alla Galleria Principe di Napoli si è assistito, pochissimi giorni fa (30 maggio), al crollo di un pezzo di cornicione esterno all’edificio. I calcinacci sono caduti dalla parte più esterna del palazzo storico partenopeo, sul lato strada di via Pessina. Per fortuna non ci sono stati feriti durante l’evento.

Paura alla Galleria Principe di Napoli: crolla un pezzo di cornicione

Nella strada che porta a piazza Dante sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno delimitato e transennato l’area interessata – come vediamo dalla nostra foto di copertina – impendendo così il passaggio all’ingresso della Galleria Principe (appunto da via Pessina).

Anche i senzatetto sono andati via dalla zona! I clochard, che abitualmente dormono all’interno del luogo antistante l’edificio, da giorni infatti non sostano più in quell’area.

Galleria Principe di Napoli, i danni ben visibili in via Pessina

Ricordiamo che alcuni anni fa, il 5 luglio 2014, moriva lo studente Salvatore Giordano proprio perché crollava, dalla Galleria Umberto di Napoli, (l’altra galleria, dal lato ingresso di via Toledo), un grosso frammento di un fregio della struttura monumentale.

Il sopralluogo alla Galleria Principe

Dobbiamo aggiungere inoltre che, il 1 giugno, il Servizio Tecnico Patrimonio e la Napoli Servizi, hanno effettuato un sopralluogo nella Galleria Principe, dove si è verificato il crollo dei calcinacci.

Città di Napoli, Galleria Principe, l’area delimitata dai Vigili del fuoco

Si è deciso quindi di ampliare la parte interdetta al transito, che non è più limitata soltanto all’area del crollo, ma piuttosto corrisponde all’intera facciata della Galleria. Si parla di circa tre metri lineari riguardanti il tratto interessato dal cedimento, non sono visibili segni di dissesto in atto sul resto della facciata.

Città di Napoli, Galleria Principe, lato ingresso via Pessina: i calcinacci caduti sul marciapiede. Area delimitata

“Per tale motivo – scrivono dal Comune di Napoli – si rende indispensabile effettuare una verifica a mezzo piattaforma e cestello (ragno) sull’intera superfice. In tempi brevi la Napoli Servizi provvederà ad individuare la ditta e ad affidare l’intervento che richiederà due notti – con interdizione del traffico nella corsia interessata – al fine di accertare, con un’ispezione ravvicinata su tutta la facciata, la presenza di altri eventuali punti di crollo incipiente”.

Galleria Principe di Napoli, i calcinacci crollati al suolo su via Pessina

Andrea Ippolito

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano