Caivano, nuova operazione di vasta portata in corso: 9 fermi per camorra. Coinvolti alcuni ex esponenti dell’amministrazione

L'operazione, ancora in corso, ha comportato numerose perquisizioni in vari luoghi, e gli inquirenti stanno lavorando instancabilmente per raccogliere prove e documentazione inerente alle attività illecite dei soggetti coinvolti

Caivano, nuova operazione di vasta portata in corso: 9 fermi per camorra. Coinvolti alcuni ex esponenti dell'amministrazione

I carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna hanno dato inizio a un’operazione di vasta portata nelle prime ore dell’alba a Caivano, San Marcellino, Aversa e altre località. Questa azione è stata compiuta in ottemperanza a un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli nei confronti di 9 individui, tutti indagati per gravi reati, tra cui l’associazione di tipo mafioso, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, corruzione, e altri crimini aggravati dalle finalità mafiose.

Caivano, nuova operazione di vasta portata in corso: 9 fermi per camorra

L’operazione, ancora in corso, ha comportato numerose perquisizioni in vari luoghi, e gli inquirenti stanno lavorando instancabilmente per raccogliere prove e documentazione inerente alle attività illecite dei soggetti coinvolti.

Ciò che rende questa operazione ancora più significativa è il coinvolgimento di alcuni ex esponenti dell’amministrazione comunale di Caivano. L’indagine ha messo in luce un presunto coinvolgimento di tali figure nell’attività criminale, rendendo l’operazione ancor più complessa e delicata.

Coinvolti alcuni ex esponenti dell’amministrazione

È importante sottolineare che il provvedimento di fermo è una misura precauzionale adottata in fase di indagini preliminari e che sarà sottoposta a un giudice per la convalida e l’emissione di un’ordinanza cautelare.

L’operazione dei carabinieri rappresenta un duro colpo contro la criminalità organizzata nella regione e dimostra l’impegno delle forze dell’ordine nella lotta contro la mafia e le attività criminali ad essa collegate. Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi e dettagli mentre le indagini proseguono.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedentePompei, giallo sulla morte di un 29enne: trovato privo di vita domenica, aperta un’inchiesta dalla Procura
Successivo“Mala Fede”: segreti inconfessabili, omicidi e depistaggi con sullo sfondo Pompei. Ecco il nuovo noir di Giovanni Taranto
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.