Paestum, un’ampia rassegna sul mondo archeologico, ritorna da giovedì 2 a domenica 5 novembre la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

La Campania vanta ben cinque siti riconosciuti dall’Unesco, oltre naturalmente siti minori ma altrettanti interessanti della zona Vesuviana e Costa Flegrea

Paestum, un’ampia rassegna sul mondo archeologico, ritorna da giovedì 2 a domenica 5 novembre la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

Un’ampia rassegna sul mondo archeologico, ritorna da giovedì 2 a domenica 5 novembre con la XXV edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico all’ombra dei templi di Paestum, Patrimonio dell’Umanità.

L’happening si svolge su oltre quattromila mq nell’ex tabacchificio Cafasso, l’attuale Next, location di archeologia industriale, scelta nel 2021, dopo aver vagato, negli anni precedenti, in strutture alberghiere, distanti dall’area archeologica.

La BMTA 2023 si presenta con sedici eventi di approfondimento, conferenze e divulgazione di temi inerenti e fruizione, gestione, valorizzazione del patrimonio archeologico. Nei quattro giorni della rassegna, spazio alla promozione culturale e al business turistico.

Un format collaudato con collaborazioni di organismi internazionali quali Unesco, Unwro e Iccrom, 160 espositori con circa 20 paesi esteri e per la prima volta ci saranno l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo del MAECI e la Città del Vaticano con la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra. Nelle precedenti edizioni, hanno partecipato, come ospiti d’onore con testimonianze di ricchi tesori: Egitto, Marocco, Tunisia, Siria, Francia, Algeria, Grecia, Libia, Perù, Portogallo, Cambogia, Turchia, Armenia, Venezuela, Azerbaigian.

Unico Salone espositivo dedicato al turismo archeologico e prima mostra internazionale di tecnologie virtuali, ideato e organizzato dalla Società Leader di Ugo Picarelli finalizzato alla diffusione di prodotti turistici specifici e approfondimento su temi inerenti tutela, l’utilizzo e la valorizzazione dei beni culturali. Opportunità di business i Workshop con i buyers esteri. Presenti Istituzioni, Enti, Regioni, Organizzazioni di categoria, associazioni professionali e culturali, aziende e consorzi turistici, società di servizi, case editrici.

L’edizione 2023 assume particolare importanza, in quanto la BMTA celebra il venticinquesimo anniversario, condividendolo con il Parco Archeologico di Paestum e Velia e la Certosa di Padula, che nel 1998 furono inseriti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco nell’ambito del riconoscimento attribuito al Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, oggi anche Alburni.

Occasione per addetti ai lavori e visitatori godere del mondo antico tra i templi più interessanti di Paestum: Hera o Basilica e Tempio di Nettuno o Poseidone. e il Tempio di Atene. Oltre ai templi altri monumenti di interesse storico ed archeologico sono presenti nella città della Magna Grecia, la tomba del tuffatore; il Museo Nazionale (in corso restyling) e l’anfiteatro romano.

A poca distanza da Poseidonia la città di Velia, secondo alcuni sede della scuola di filosofia di Parmenide e Zenone e di una prestigiosa scuola medica le cui tradizioni e conoscenze sono considerate le radici della scuola medica Salernitana. La Certosa di San Lorenzo a Padula, famosa per magnificenza architettonica e ricca di tesori artistici.

Il patrimonio archeologico d’Italia è il più vasto, variegato e diffuso del mondo. La Campania vanta ben cinque siti riconosciuti dall’Unesco, oltre naturalmente siti minori ma altrettanti interessanti della zona Vesuviana e Costa Flegrea

In questi ultimi anni l’incontro tra le varie culture del Mediterraneo è cresciuto in modo esponenziale. L’idea di istituire, nel 1998 una Borsa del Turismo nella cittadina, in provincia di Salerno, dove fino al V secolo a.C. si svolgeva un florido emporio commerciale, è risultata vincente.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano