Qualiano: allo stadio con manganello e ordigni artigianali. Arrestato 23enne incensurato

In campo stava per svolgersi la partita di Prima Categoria tra Qualiano Calcio e Quarto Calcio 1962. Sui botti i giocatori del Napoli scudettato

Qualiano, stadio comunale “Santo Stefano”. L’incontro di calcio è valevole per il campionato di Prima Categoria. In campo le compagini del “Qualiano Calcio” e del “Quarto Calcio 1962”, sul posto i carabinieri della locale stazione impegnati nel servizio di vigilanza.

Mancano pochi minuti alla partita e durante le tranquille ed ordinate fasi di afflusso della tifoseria locale, i militari si accorgono dell’insolito comportamento di un supporter.

Si tratta di un ragazzo e non appena vede i militari va nel “pallone”: inizia a correre ed esce dallo stadio fino ad arrivare in un terreno poco distante. I Carabinieri lo inseguono e alla fine lo raggiungono. Il giovane è un 23enne incensurato del posto e quando viene bloccato dai militari stava tentando di disfarsi di un manganello telescopico. L’arma, dall’estensione massima di 53 centimetri, viene sequestrata ma i carabinieri decidono di perquisire il 23enne.

Nelle tasche del giubbino vengono rinvenuti 2 ordigni artigianali, 10 cm di lunghezza e 3 cm di diametro, non classificati e con etichetta raffigurante alcuni calciatori della squadra di calcio del Napoli e il 3° scudetto.

Il 23enne è stato arrestato per detenzione illegale di materie esplodenti e porto di oggetti atti ad offendere. Sarà proposto per il divieto di accesso alle manifestazioni sportive (daspo).

Sul posto sono intervenuti gli artificieri del comando provinciale carabinieri di Napoli che hanno accertato la pericolosità degli ordigni per la pubblica incolumità, mettendoli in sicurezza e consentendo il successivo affidamento a una ditta autorizzata.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedentePortici, rompe il vetro e tenta di rubare un’auto: arrestato 53enne napoletano. Aveva con sé gli attrezzi per lo scasso
SuccessivoNapoli, gambizzato dopo aver commesso una rapina in appartamento: arrestati due fratelli. Il colpo fruttò 800 euro
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.