Lavori “fantasma”: arresti a Torre del Greco e Torre Annunziata

Gli arrestati risiedono in Campania, in particolare a Frignano e San Marcellino, a Torre del Greco e Torre Annunziata, a Pagani e Camerota, mentre gli altri indagati in diverse province italiane, tra cui Pordenone e Perugia

Decreto Rilancio, lavori mai eseguiti: 60 milioni di euro sequestrati, 83 indagati, 6 arresti anche a Torre del Greco, Torre Annunziata e Pagani

Un’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Aversa ha portato al sequestro di circa 16 milioni di euro e all’arresto di sei persone, nel quadro di un’indagine della procura di Napoli nord. L‘operazione coinvolge ben 83 indagati, di cui 60 sono destinatari di provvedimenti cautelari, accusati di reati gravi quali truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e autoriciclaggio. Gli arrestati risiedono in Campania, in particolare a Frignano e San Marcellino, a Torre del Greco e Torre Annunziata, a Pagani e Camerota, mentre gli altri indagati in diverse province italiane, tra cui Pordenone e Perugia.

Lavori mai eseguiti con il Decreto Rilancio

L’indagine ha rivelato un intricato sistema di frode fiscale che si è sviluppato nel periodo compreso tra il 2021 e il 2022. I protagonisti di questa truffa hanno creato una rete di circa 50 società fittizie, note come “cartiere”, attraverso le quali i rappresentanti legali delle ditte coinvolte hanno prodotto falsi attestati di proprietà o incarico per lavori di riqualificazione energetica e rifacimento delle facciate di edifici residenziali in varie regioni italiane.

Le operazioni, che in realtà non sono mai state effettuate, sono state dichiarate attraverso documentazione falsa e certificazioni energetiche contraffatte. La frode ha sfruttato le agevolazioni previste dal decreto Rilancio, che prevede detrazioni fiscali del credito d’imposta per gli edifici a uso abitativo. I responsabili di questa truffa hanno dichiarato spese fittizie per un totale di circa 130 milioni di euro, ottenendo così crediti d’imposta che sono stati successivamente ceduti a Poste Italiane.

60 milioni di euro sequestrati, 83 indagati, 6 arresti

Successivamente, i fondi ottenuti in modo fraudolento sono stati riciclati attraverso titolari di imprese o rappresentanti di società, alcune delle quali estere, comprese aziende cinesi. Questa intricata rete di frode fiscale è stata smascherata grazie all’operato della Guardia di Finanza.

Il provvedimento di sequestro di circa 16 milioni di euro riguarda anche crediti di imposta fittizi per un valore complessivo di 48 milioni di euro, appartenenti a 35 persone fisiche e giuridiche residenti in diverse regioni italiane.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteBenevento, truffa su bonus Covid: sequestro da 30mila euro
SuccessivoJuve Stabia, chi è Fabio De Lillo: ecco il nuovo vicepresidente
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.