Napoli, il “bookcrossing” di Arci Mediterraneo Impresa Sociale

“L’iniziativa mi ha subito entusiasmato – commenta l’Ad aziendale, Mariano Anniciello – anche perché sono un lettore instancabile"

Napoli, il progetto

Leggere in azienda, lavorare con tranquillità in un ambiente sereno. A Napoli, parte un innovativo progetto di “bookcrossing” per dipendenti ed amministratori. A sperimentarlo è Arci Mediterraneo Impresa Sociale, azienda impegnata da anni nell’accoglienza di migranti e di minori stranieri non accompagnati. L’area comunicazione dell’impresa, con sede in via Dei Mille, 59, su indicazione dell’Ad, Mariano Anniciello, ha così appena inaugurato il primo punto di bookcrossing a completa e gratuita disposizione dei propri dipendenti. L’obiettivo è rendere le pause di lavoro in ufficio più “leggere” grazie a un buon libro da scambiare tra colleghi. Magari, mentre si sorseggia un caffè caldo.

Napoli, il progetto “bookcrossing” di Arci Mediterraneo Impresa Sociale

“L’iniziativa mi ha subito entusiasmato – commenta l’Ad aziendale, Mariano Anniciello – anche perché sono un lettore instancabile. Lo scopo del progetto, oltre a quello di diffondere idee e cultura in ufficio, è quello di rendere meno faticosa la giornata di lavoro ai nostri dipendenti”. Nella sede di via dei Mille, a Napoli, lavorano in 20. A partire da domani, la loro pausa caffè sarà anche all’insegna della cultura. “E di emozioni, sensazioni, esperienze da condividere e da scambiare” ha concluso Anniciello.

“Abbiamo la possibilità di condividere passioni ed esperienze”

L’azienda ha approntato inoltre un semplice regolamento interno per regolare lo scambio gratis e interno dei libri. Per incentivarlo, su indicazione dell’Ad è stata installata una sorta di “casetta” per lo scambio: una mensola interna alla sede proprio nei pressi dell’area per il coffee-break. “È accessibile negli orari di apertura della sede – hanno chiarito da Arci Mediterraneo – dipendenti e amministratori potranno portare e scambiare coi colleghi solo libri in buone condizioni e dal contenuto adatto a tutti”.

Altre regole? Molto semplici, appena 4: “Se hai un libro portalo, se vedi un libro che ti piace prendilo, se prendi un libro dopo che lo hai letto riportalo, se prendi un libro e vuoi tenerlo, portane un altro” è spiegato nel breve regolamento dell’azienda. L’idea piace ai dipendenti: “In questo modo – hanno dichiarato – abbiamo la possibilità di condividere passioni ed esperienze che vadano oltre le singole mansioni lavorative. Si tratta inoltre di un’esperienza che facilita la reale conoscenza tra colleghi”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSorrento, incandidabilità di Marco Fiorentino: appello inammissibile
SuccessivoStellantis, a Pomigliano la Panda si produrrà almeno fino al 2027
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.