Afragola: “Cacciato come un cane”. Bimbo autistico allontanato da evento a scuola -VIDEO –

Mamma Patrizia: “Mio figlio era evidentemente sorridente e felice per quel momento di socialità. La preside “Ho sbagliato in buona fede”

Afragola: “Cacciato come un cane”. Bimbo autistico allontanato da evento a scuola

Patrizia, mamma di un bambino autistico di 11anni, solo pochi giorni fa ha visto il video relativo ad una manifestazione contro il bullismo svoltasi il 7 febbraio presso la scuola frequentata dal figlio e ha visto quanto accaduto, a scuola, al figlio: “Mio figlio autistico cacciato come un cane che abbaia”. È lo sfogo di dolore della donna che ha anche un altro figlio autistico.

Allontanato dalla preside durante un evento contro il bullismo perché dava fastidio

Il brutto episodio è avvenuto in una scuola di Afragola e a chiedere che il bambino fosse allontanato, perché “probabilmente stava infastidendo i presenti, emettendo dei suoni gutturali tipici della sindrome che lo affligge”, è stata preside della scuola, come chiaramente si può evincere dal video.

Nella registrazione si vede l’insegnante di sostegno accompagnare fuori il ragazzo su ordine del dirigente scolastico: “Prof per piacere prendete quel ragazzo e portatelo in classe”.

“Ho un dolore dentro, me l’ha cacciato come un cane che stava abbaiando”. Parole piene di rabbia quelle di Patrizia: “Mio figlio era evidentemente sorridente e felice per quel momento di socialità. E’ stato allontanato perché quei sorrisi a modo suo evidentemente davano fastidio”.

La mamma chiede aiuto all’associazione “La battaglia di Andrea”

La donna, dopo avere visto le immagini si è rivolta all’associazione “La battaglia di Andrea” che da anni si batte per i diritti dei diversamente abili. “Quando la mamma ci ha mostrato il video siamo rimasti scioccati”, racconta Asia Maraucci, presidente dell’associazione.  “Ma la cosa che ci ha sconvolti di più – ha aggiunto – è il silenzio assordante che si è creato intorno e il fatto che nessuno abbia detto nulla, che nessuno abbia contestato”.

La signora ha chiesto supporto all’avvocato dell’associazione, Sergio Pisani: “Noi subito l’abbiamo messa in contatto con lui, che immediatamente – ha concluso la presidente Maraucci – ha preso a cuore la situazione ed ha deciso di seguirla. Ci auguriamo che si chiarisca la situazione, ma ad oggi quelle parole ci rimbombano in testa e sono pesanti come macigni”.

Le parole della preside “Ho sbagliato in buona fede”

“Il bambino era agitato. La mia intenzione non era cattiva, forse ho sbagliato nei modi ma la mia intenzione era quella di creare intorno a questo bambino un momento di serenità e dopo lui è ritornato tutto contento”, ha detto la preside, sentita da SkyTg24. Il dirigente scolastico si è detta sicura che il ragazzino sia rientrato in aula dopo “5-10 minuti”.

La preside poi ha spiegato: “Ho sbagliato nei modi ma non nella mia intenzione che era quella di creare un ambiente per rasserenarlo un po’…”. Parlando delle parole della madre dell’alunno, la preside ha detto che le “farebbe piacere cercare un chiarimento con i genitori, chiedo scusa per i modi“, ribadendo però che le sue intenzioni sono state “interpretate male” e che il suo intento non era “allontanare il bambino per la sua patologia”.

La dirigente ha infine voluto precisare: “Io ho voluto solo creare intorno a lui un ambiente un po’ più sereno in quel momento”. Riflettendo sull’autismo, la preside ha affermato: “È una condizione che rispetto assolutamente. Ho diversi bambini autistici a scuola e fanno anche un percorso, alcuni suonano la chitarra… Forse ora lo direi in un modo diverso, ma ho sbagliato in buona fede“.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteTorre del Greco, festa con 500 persone, non autorizzata, sospesa dalla municipale: 2 denunciati
SuccessivoIl Punto Viola di Pomigliano ospite dell’evento “Io (non) valgo di meno” a Napoli
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.