Torre del Greco: toccante cerimonia in ricordo delle vittime del Moby Prince

A 33 anni dalla tragedia nel quale persero la vita 140 persone, cinque delle quali torresi

Torre del Greco: toccante cerimonia in ricordo delle vittime del Moby Prince

“In memoria di Domenico Cervini, Ciro Cirillo, Ciro Frulio, Vincenzo Paino e Ciro Vitiello e di tutte le vittime della strage del Moby Prince”. Il messaggio, pensato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Mennella, è stato scritto a mano su una pergamena posta su una corona di rose rosse posizionata all’esterno della parrocchia di Portosalvo.

È qui che oggi si è svolta una solenne celebrazione per ricordare i cinque figli di Torre del Greco, ma più in generale tutte le 140 persone che persero la vita 33 anni fa a bordo del Moby Prince, il traghetto della Navarma entrato tristemente nella storia per essere stato teatro della tragedia più atroce della marineria italiana.

Una tragedia che da quel tristemente 10 aprile 1991 attende ancora di conoscere tutta la verità sulle ragioni della collisione, del rogo e dei possibili ritardi nei soccorsi che causarono il decesso di tutti gli occupanti dell’imbarcazione, ad eccezione del mozzo Alessio Bertrand.

Per quella tragedia è stata istituita una terza commissione parlamentare, chiamata a dirimere i tanti dubbi sollevati dai familiari delle vittime.

Tra questi c’è Raffaele Cirillo, il papà di Ciro, il piccolo di camera morto al primo imbarco a soli 25 anni: “Chiediamo ancora giustizia e non smetteremo mai di cercarla – ha detto nel suo intervento durante la funzione religiosa Cirillo – Vogliamo i nomi di quei ‘delinquenti’ che hanno fatto morire i nostri cari in una strage che definisco ‘organizzata’. Noi abbiamo l’obbligo di essere forti, anche se gli anni passano e siamo alla ricerca sempre della verità su quanto accaduto quella sera.

Ringraziamo l’amministrazione, che ha sposato la nostra richiesta di organizzare una iniziativa di ricordo a Torre del Greco in quanto, a causa dell’età, molti di noi non sarebbero riusciti a raggiungere Livorno, dove ogni anno la strage del Moby Prince è ricordata con una specifica cerimonia”.

“Siamo e saremo sempre vicini ai familiari dei marittimi torresi che persero la vita – aggiunge il sindaco Luigi Mennella, presente in rappresentanza dell’amministrazione insieme all’assessore Laura Vitiello e al consigliere Mirko Gallo – e sosteremo le loro iniziative. Insieme stiamo tra l’altro anche valutando di intitolare alle vittime del Moby Prince un bene pubblico, in modo che ricordi per sempre quella immane tragedia”.

Al termine della messa, officiata dal parroco di Portosalvo, don Vincenzo Vitiello, i presenti, insieme ad una delegazione della polizia municipale con il gonfalone e della Capitaneria di Porto, hanno raggiunto la zona del molo di levante del porto, dove i presenti hanno gettato in mare le rose di cui si componeva la corona di fiori donata dal Comune.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano