Corruzione, arrestato il sindaco di Avellino Gianluca Festa

Le indagini hanno coinvolto anche altri membri della comunità di Avellino, inclusi il vicesindaco Laura Nargi e il consigliere Diego Guerriero

Corruzione e peculato, arrestato il sindaco di Avellino Gianluca Festa: coinvolti anche vicesindaco ed un consigliere. Al centro dell'inchiesta la squadra di basket

Gianluca Festa, sindaco dimissionario di Avellino e membro del Partito Democratico, è stato arrestato nell’ambito di un’indagine per peculato e induzione indebita a dare e promettere utilità. Le accuse riguardano anche un architetto, fratello di un consigliere comunale, Fabio Guerriero, e una dirigente del Comune. I tre sono ora ai domiciliari mentre si svolgono indagini per verificare le accuse.

Corruzione e peculato, arrestato il sindaco di Avellino Gianluca Festa

Le indagini hanno coinvolto anche altri membri della comunità di Avellino, inclusi il vicesindaco Laura Nargi e il consigliere Diego Guerriero, capogruppo di Viva la Libertà, lista civica che ha sostenuto Festa. La squadra di basket locale, la DelFes, è al centro delle indagini, poiché si ritiene abbia ricevuto sponsorizzazioni da imprese assegnatarie di appalti e affidamenti dal Comune di Avellino. Gli inquirenti ipotizzano l’esistenza di un’associazione a delinquere.

Le perquisizioni sono state eseguite dai militari del reparto operativo del Nucleo Investigativo di Avellino e dalla sezione di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza. Sono stati effettuati controlli nelle abitazioni e negli uffici degli indagati.

Coinvolti anche vicesindaco ed un consigliere

Gianluca Festa, 50 anni, sindaco di Avellino dal giugno del 2019, ha rassegnato le dimissioni lo scorso 26 marzo dopo che la procura di Avellino ha perquisito la sua casa e il suo ufficio. Inizialmente, Festa ha citato la sua passione per il basket, riferendosi al fatto che le accuse erano legate alla pallacanestro. Festa aveva contribuito personalmente per garantire l’iscrizione di una squadra di Serie B con fondi dal suo conto corrente, poiché lo storico club Scandone era fallito nel 2019. Tuttavia, ora è ai domiciliari, indagato per presunti appalti pilotati al Comune di Avellino e accusato di corruzione, associazione a delinquere, turbativa d’asta e falso in atto pubblico.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteNapoli: #Usailtuovoto, i giovani e l’Europa
SuccessivoAgerola, arrestato 58enne imprenditore: nascondeva una pistola
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.