FC Pompei, domenica big match contro la Real Acerrana, in palio la promozione in D

Alla vigilia del match decisivo abbiamo sentito il direttore sportivo Angelo Cioffi: "Il nostro intento è quello di regalare ai tifosi una grande soddisfazione"

Domenica 21 aprile è una data da segnare con il classico circoletto rosso da parte dei tifosi del FC Pompei. Infatti, i rossoblù di mister Gennaro Scarlato saranno impegnati nel big match contro la Real Acerrana in trasferta sull’ostico terreno dello stadio “Arcoleo”, con inizio alle ore 16.30.

A due giornate dal termine del campionato di Eccellenza girone A, la classifica recita Real Acerrana prima con 68 punti, FC Pompei seconda a 66. Praticamente quella di domenica sarà una sfida da “dentro o fuori”: se l’Acerrana dovesse vincere sarebbe prima aritmeticamente, considerando poi che l’ultima partita contro la Givova Capri Anacapri sarebbe ininfluente ai fini della classifica. In caso di vittoria del FC Pompei ci sarebbe il sorpasso in classifica da parte della formazione mariana, che poi si potrebbe giocare il match point domenica 28 aprile affrontando in casa al “Bellucci” il Quarto Afrograd, in lotta per tirarsi fuori dalla zona play out.

In caso di pareggio tutto sarebbe rimandato all’ultima giornata, ma in tal caso la Real Acerrana sarebbe padrona del suo destino e battendo la Givova Capri Anacapri in trasferta, sarebbe promossa in serie D senza aspettare il risultato del FC Pompei.

All’andata il match fra le due sfidanti terminò con il successo del FC Pompei per 2-1. Al “Bellucci” fu festa grande per i supporter pompeiani, ma stavolta dovranno rinunciare alla trasferta come da disposizioni della Lega Dilettanti. La medesima cosa successe per i tifosi acerrani all’andata.

La squadra di Pompei è una corazzata per la categoria, così come gli avversari dell’Acerrana, per cui giocarsi tutto sul filo di lana in novanta minuti di passione poteva essere preventivato a inizio stagione. Il club del presidente Francesco Mango ha tutte le carte in regola per cogliere un obiettivo prestigioso, che sarebbe una pietra miliare visto che il calcio mancava da oltre dieci anni in città. Un veicolo quello del calcio per rilanciare in grande stile il nome di Pompei in un campionato a più elevata risonanza nazionale.

Al bomber e capitano Alessandro Malafronte i tifosi pompeiani chiedono gol decisivi per rimpinguare il già ragguardevole bottino di 18 reti finora messe a segno.

Tanti i calciatori in rosa per i rossoblù che possono rivelarsi chiave in termini di esperienza e tecnica come il portiere D’Agostino, Guarracino, Tarascio, Salvati, Velotti, Matute, Caso Naturale, Del Prete, Tomolillo, Simonetti e gli altri elementi a disposizione di mister Scarlato, pronti a dare il loro contributo nella sfida che vale una stagione.

Il Pompei viene da dieci vittorie di fila grazie alle quali aveva conquistato la vetta. In corso d’opera, per le giornate di riposo che ha dovuto osservare in questo mese visto che un paio di squadre sono state escluse dal torneo e quindi le partite annullate, l’Acerrana l’ha successivamente superata sfruttando appieno gli incontri che il calendario le ha prospettato.

Alla vigilia del match decisivo abbiamo sentito il direttore sportivo Angelo Cioffi, portavoce del club in questo momento topico, che ha assunto l’incarico dall’inizio del mese di dicembre così come il nuovo allenatore Scarlato. Un cammino quasi immacolato da allora con l’FC Pompei che ha perso solo una volta. Una rincorsa rutilante per i rossoblù alle calcagna dei granata, che domenica prossima celebrerà il redde rationem.

Come la squadra si sta preparando a questo match crocevia dopo la sosta forzata?

Abbiamo dovuto fronteggiare questa lunga pausa per la sosta pasquale e perché sono saltate due partite contro le squadre escluse. Certo, non è facile ma prendiamo il buono da questo intervallo. Abbiamo recuperato qualche effettivo da qualche acciacco, ci siamo ritemprati mentalmente e fisicamente e siamo consapevoli di avere una squadra forte. Per l’aspetto della formazione, chiaramente questa è una prerogativa di mister Scarlato, di sua pertinenza le scelte tecniche, posso però dire che tutti i ragazzi stanno bene, concentrati e in forma per dare l’anima in campo“.

Che sensazioni si provano a giocarsi tutto in un match che potremmo definire come una finale?

Sono belle emozioni, doppie potrei dire rispetto all’inizio. A dicembre quando siamo entrati con il nuovo staff tecnico, abbiamo recuperato ben 7 punti visto che eravamo secondi con un gap da colmare. Questo era il nostro obiettivo che abbiamo perseguito con convinzione e abnegazione, con un importante spirito di squadra. Abbiamo accelerato con un gran rincorsa. E’ sicuramente una bella soddisfazione quanto abbiamo fatto come team. Ora dovremo trasformare questa emozione in energia positiva per lo step decisivo “.

Da chi si aspetta quel quid in più in questa sfida contro l’Acerrana?

Siamo un collettivo di valore in tutti i reparti, quindi ci aspettiamo che tutti possano contribuire al successo con il loro impegno. Chiaramente abbiamo dimostrato di avere un reparto avanzato davvero efficace che potrà essere decisivo nel corso della partita che saremo chiamati a vincere”.

L’Acerrana è una rivale di valore, chi temete di più?

Stiamo parlando di una grande squadra di categoria. La conosco bene visto che sono un ex, avendo lavorato come ds con il club granata lo scorso anno. Per esempio, Lepre ha una grande visibilità per i gol segnati, poi voglio ricordare Elefante e anche Aracri per le 14 marcature fatte registrare. Ripeto comunque che tutti sono bravi e sarà una bella disfida calcistica in uno stadio sold out con oltre mille tifosi di casa”.

Ci sarà una diretta fb per i tifosi del Pompei che purtroppo non potranno partecipare alla trasferta per sostenere la squadra rossoblù?

Per questo la Lega Dilettanti deve ancora decidere in merito. La notizia è ancora ufficiosa. In caso positivo sarà organizzato un maxischermo nel cortile della scuola in piazza Schettini. Il messaggio che voglio lanciare ai nostri tifosi è di starci vicini e farci sentire il loro attaccamento sebbene a distanza.  Ci rendiamo conto che è fastidioso non poter assistere al match dal vivo dalle tribune dello stadio Arcoleo, ma il nostro intento è quello di regalare loro una grande soddisfazione“.

Lo scorso anno FC Pompei ha perso i play off contro l’Ercolanese, come sta vivendo ora la vigilia il presidente Mango?

Lui è un presidente passionale e un buono che sta facendo tanto per portare in alto il Pompei. Sicuramente merita il meglio per le energie e le risorse che sta investendo in questo progetto per la squadra della città. In città è conosciuto un po’ da tutto l’ambiente per il suo attaccamento ai colori sociali. Credo che meriti una bella soddisfazione per i sacrifici profusi e la stessa cosa dicasi per i nostri ragazzi, lo staff tecnico e tutti i nostri tifosi. Ci auguriamo di poter festeggiare come la Juve Stabia ha fatto la scorsa settimana per avere vinto meritamente il suo campionato ed essere approdata in B. Una sorta di trait d’union tra due città vicine per continuare i festeggiamenti”.

Domenico Ferraro

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano