Castellammare, il blitz: sequestrato anche un intero cantiere navale

Nel corso dei controlli, sono state accertate numerose violazioni della normativa ambientale, portando al sequestro di un cantiere navale di 1.000 mq, una falegnameria di 190 mq e un'area demaniale di 3.500 mq

Castellammare, scempi ambientali: sequestrati un cantiere navale ed un'autocarrozzeria. Il blitz della Guardia Costiera

Un’operazione di vasta portata contro gli illeciti ambientali è stata condotta dal Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia nell’ambito dei comuni di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.

Castellammare, scempi ambientali: sequestrati un cantiere navale ed un'autocarrozzeria. Il blitz della Guardia CostieraCastellammare, scempi ambientali: sequestrati un cantiere navale ed un’autocarrozzeria

Nel corso dei controlli, sono state accertate numerose violazioni della normativa ambientale, portando al sequestro di un cantiere navale di 1.000 mq, una falegnameria di 190 mq e un’area demaniale di 3.500 mq. Tutti e tre i siti erano adibiti a cantiere navale e operavano senza le necessarie autorizzazioni per le emissioni in atmosfera e con un deposito incontrollato di rifiuti prodotti dalle attività lavorative.

Tra i rifiuti sequestrati, batterie esauste, oli esausti, mezzi di lavorazione fuori uso, rifiuti speciali pericolosi e non. Un’autocarrozzeria di circa 400 mq è stata sequestrata per smaltimento illecito di rifiuti e mancanza delle autorizzazioni ambientali, mentre un autolavaggio nella penisola sorrentina è stato sanzionato per lo scarico diretto nella pubblica fognatura di reflui tecnologici non depurati, con un grave danno ambientale alle acque del territorio.

Il blitz della Guardia Costiera

I responsabili delle condotte illecite sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata diretta da Nunzio Fragliasso, mentre le sanzioni amministrative elevate ammontano a circa 20mila euro.

L’operazione si inserisce nel più ampio programma di sensibilizzazione e monitoraggio ambientale del fiume Sarno, a cui la Procura di Torre Annunziata dedica particolare attenzione per la tutela dei corsi d’acqua, del mare e dell’ambiente in generale.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteCastellammare, centrosinistra: 13 liste per Luigi Vicinanza
Successivo“La citta’ invisibile”, musica, cultura e arte nella citta’ di Sant’Antimo
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.