Ercolano: lite tra padre e figlia. Trovato un arsenale in casa loro

I carabinieri indossano i giubbotti anti proiettili e vanno a casa dell’uomo, sanno già che è titolare di porto d’armi

Ercolano: lite tra padre e figlia. Trovato un arsenale in casa loro

Questa notte a Ercolano i carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato per detenzione illegale di armi un 66enne già noto alle forze dell’ordine.

Poche ore prima sua figlia aveva chiesto aiuto ai carabinieri. La donna era stata minacciata dal proprio padre dopo averci litigato per futili motivi. Il 66enne non si era fermato alle parole ma impugnava un’arma.

I carabinieri indossano i giubbotti anti proiettili e vanno a casa dell’uomo, sanno già che è titolare di porto d’armi.

Vengono sequestrati in via cautelare 6 pistole e 12 fucili regolarmente denunciati ma i veri guai per il 66enne iniziano quando i militari trovano materiale che farebbe gola anche alla criminalità organizzata.

Sono 11 pistole di cui alcune con matricola abrasa, una modificata e una con caricatore inserito con all’interni 5 colpi. Sequestrati poi 882 munizioni di vario calibro, 110 cartucce per fucile, 82 coltelli di vari modelli e una balestra.

L’uomo è stato trasferito in carcere.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano