Ercolano: riapre l’antica spiaggia nel Parco archeologico

Riaperta, a partire da oggi 19 giugno 2024, l’antica spiaggia di Herculaneum, la prima all'interno di un parco archeologico

E’ l’unico affaccio sul mare rinvenuto in un’area archeologica. Oggi viene recuperato, riportato alla conformazione originaria e restituito ai visitatori. Siamo a Ercolano, dove riapre al pubblico l’antica spiaggia cittadina, grazie a un finanziamento nell’ambito del Cis Vesuvio-Pompei-Napoli, gestito dall’unità del Grande progetto Pompei.

Dopo molti anni dedicati all’attività di ricerca, scavo e restauro, l’antica Ercolano, distrutta dall’eruzione del Vesuvio, torna a vivere come città di mare. La progettazione è stata donata dalla fondazione Packard Humanities Institute, nell’ambito dell’Herculaneum Conservation Project, per restituire ai visitatori un’immagine il più possibile vicina a come si presentava quest’area prima del 79 d.C. Si arricchisce quindi l’esperienza di visita del Parco e, nel medio termine, si punta al ricongiungimento dell’area archeologica con la Villa dei Papiri.

Negli ultimi anni l’area è stata interessata da fenomeni di corrosione e decadimento determinati da fattori naturali legati agli effetti delle acque piovane e di risalita, che avevano trasformato l’antica spiaggia in una sorta di acquitrino, con pericoli di allagamento e impatti sulla conservazione del patrimonio.

Utilizzando un approccio multidisciplinare, è stata restituita alla spiaggia sicurezza e fruibilità, grazie a un’area percorribile e con la valorizzazione del fronte a mare della città.

Al termine della visita, il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, rimarca come Ercolano sia “al centro di una delle più importanti aree archeologiche del pianeta. E’ importante l’apertura al mare – spiega – perchè ci fa ricordare che noi siamo Mediterranei, che siamo parte di una civiltà che si apre nel Mediterraneo e che attinge al Mediterraneo valori ideali e valori fondanti”.

Il direttore del Parco, Francesco Sirano, definisce l’antica spiaggia “un luogo straordinario e unico al mondo. Per conservarla per il futuro – aggiunge – abbiamo ridotto il rischio di continui allagamenti e i pericoli per la stabilità  dei fronti di scavo e del fronte a mare della città antica”.

Per Jane Thompson, del Packard Humanities Institute, assistere a questa svolta “è una soddisfazione immensa per il ricco team multidisciplinare che ha lavorato qui. Moltissime delle nostre azioni più importanti degli ultimi 20 anni – fa notare – sono state invisibili, ma qui finalmente abbiamo un radicale cambiamento dell’esperienza dei visitatori che, insieme con la riqualificazione di Via Mare, modificano per sempre l’assetto di questo sito”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteRafa Marín è il primo regalo per Conte: il difensore spagnolo approda al Napoli
SuccessivoL’ITALIA S’È ROTTA
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.