La nuova esposizione dell’Antiquarium di Boscoreale ha riservato un angolo della prima sala, dopo l’ultimo settore dedicato all’alimentazione, all’esposizione di un efebo lampadoforo, portatore di lampade (inv.13112) rinvenuto a Pompei nella Casa di M. Fabio Rufo (VII 16, 19).

Contesto Storico e Funzionale

La sua presenza in questo contesto deriva dall’uso diffuso che avevano queste statuine come supporto alle lucerne che davano luce alle cene romane.

Infatti mentre il pranzo, come accade anche oggi, era un pasto frugale, la cena era il pasto principale, che si svolgeva al calar del sole, quando l’assenza di luce non consentiva lo svolgimento delle attività lavorative e le stanze da pranzo (i triclini) delle case signorili erano illuminate da lucerne, sospese o sostenute da vassoi, come quello che poteva reggere il nostro efebo.

Descrizione dell’Opera

Si tratta di una statuina in bronzo ad un terzo dal vero, è alta 139 cm., che raffigura un giovanetto in nudità eroica, in posizione frontale, stante sulla gamba sinistra, poggiata su una base di tipo pompeiano decorata superiormente da un tondello con cerchi concentrici e una spirale ageminata posta su un plinto quadrangolare, retto da quattro zampe a cigno, con le ali spiegate ed il collo flesso raccordato ad una zampa leonina, su un disco di base.

La testa, rivolta a destra è lievemente inclinata, il volto dai tratti idealizzati presenta l’ovale pieno, la bocca piccola e carnosa, gli occhi cavi, ad ospitare pupille di altro materiale, ed è incorniciato da una folta capigliatura con una pettinatura complessa: due ampie bande ondulate sono divise ai lati della fronte, passano sulla nuca e ritornano sul capo, legate in un nodo trattenuto da una tenia; la chioma sulla nuca forma un secondo nodo, dal quale partono lunghe ciocche che ricadono sugli omeri e lasciano scoperte le orecchie.

Modifiche e funzionalità

Rinvenuta alla fine del 1960 nei pressi del grande salone della casa, la statuina fu modificata con l’applicazione alla mano sinistra di un grande tralcio costituito da due serti di vite intrecciati, con grappoli e pampini, sul quale doveva esser posto un vassoio (ferculum) così da trasformarlo in un efebo “portalampade”.

Dopo aver molto viaggiato negli anni, per essere esposto in numerose esposizioni temporanee, in Italia ed all’estero, è oggi divenuto stabilmente opera disponibile della raccolta museale dell’Antiquarium di Boscoreale, riavvicinandosi al suo contesto di provenienza.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAIA Torre del Greco in festa: ritorno in “Serie A” con Alberto Ruben Arena
SuccessivoGragnano, Nello D’Auria: «Donne, denunciate sempre i vostri aggressori. Non siete sole»
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.