E’ ufficialmente cominciata l’avventura delle Vespe in Serie B dopo la magica cavalcata della scorsa stagione culminata con la promozione in cadetteria. Sarà la sesta partecipazione in questa categoria per i gialloblù: la prima nel 1951, tre a cavallo del 2011-2014 e l’ultima nel 2019-2020.

Conferme, trattative, nuovi arrivi

Il club stabiese si è già mosso sul mercato che ha aperto i battenti a inizio settimana: sono stati ingaggiati il terzino destro Romano Floriani Mussolini, 21 anni, dalla Lazio, lo scorso anno al Pescara e l’attaccante Riccardo Tonin, 23 anni, proveniente dal Milan e che ha giocato nelle scorse annate con Foggia e Cesena.

Inoltre la società ha blindato con contratti pluriennali e confermato svariati calciatori protagonisti della promozioni: i portieri Esposito e Signorini, i difensori Andreoni e Bellich, i centrocampisti Buglio, Meli, Romeo e Mosti, l’attaccante Adorante. Già sotto contratto il difensore Mignanelli e i centrocampisti Gerbo e Leone , gli attaccanti Piscopo e Candellone.

Sul fronte mercato il direttore sportivo Matteo Lovisa sta lavorando alacremente alla ricerca di un portiere di esperienza; Thiam è tornato alla Spal dopo il prestito, anche se rumors parlano di  una trattativa in corso per il ritorno del portierone a Castellammare. Il valore di mercato del pipelet è salito dopo il bel campionato disputato. In alternativa la Juve Stabia sta valutando anche altri portieri come Perisan (dall’Empoli) , Matosevic (dalla Triestina) e Confente (dal Vicenza).

In corso anche trattative per acquisire le prestazioni dei giovani Di Marco, centrocampista, e Artistico, centravanti, entrambi lo scorso anno alla Virtus Francavilla, il difensore Rocchetti dalla Cremonese nonché l’attaccante Di Dio.

Dalla prossima settimana parte il ritiro

Dalla prossima settimana, dopo le visite mediche, la rosa dei calciatori agli ordini di mister Pagliuca andrà in ritiro prima a Telese, dal 10 luglio e successivamente si sposterà nel ritiro di Capracotta in Molise, dal 15 luglio, dove completerà il romitaggio estivo.

Adeguamento del Menti e inizio della stagione

Nel frattempo i lavori per l’adeguamento del Menti sono in corso e il cronoprogramma prevede la fine degli stessi negli ultimi giorni del mese corrente, poi ci sarà da attendere l’ok del collaudo dalla commissione controlli.

Per quanto concerne la stagione agonistica si inizierà il 4 agosto con il match di Coppa Italia Frecciarossa contro l’Avellino in casa stabiese, la vincente se la vedrà la settimana successiva contro l’Udinese in trasferta.

Il campionato inizierà nel week end del 16-17 agosto: per conoscere il calendario si deve attendere mercoledì 10 luglio.

Dopo il primo allenamento odierno al Menti, si è tenuta la conferenza stampa tecnica con mister Guido Pagliuca e il ds Matteo Lovisa. A seguire il briefing dove sono stati toccati vari temi sul mercato, sulla nuova stagione che vede protagonisti i gialloblù e le loro prospettive in ottica futura.

Le parole di Mister Pagliuca

“Abbiamo fatto oggi il primo allenamento. Sono contento che abbiamo trattenuto la maggior parte dei calciatori. Siamo consapevoli che la Serie B è un campionato diverso e oggettivamente più difficile e ostico. Per noi il gruppo sarà un aspetto dominante, con grande attenzione agli aspetti di campo. Il calcio è un divertimento, così dobbiamo continuare a pensare.

Io sono grato a tutti, alla piazza, ai tifosi, alla società. Dobbiamo riproporre l’unione di intenti, che è stata chiave lo scorso anno per la nostra vittoria, anche per il prossimo campionato. In questo mese e mezzo mi sono aggiornato sul nuovo campionato assieme al mio staff. Le cinque sostituzioni sono fondamentali in questo torneo, ci vorrà grossa energia e attitudine.

Abbiamo iniziato la preparazione per cercare di fare una progressione di lavoro. I ragazzi saranno chiamati a lavorare molto con concentrazione e abnegazione. Il mio intento sarà ancora quello di far leva sulla nostra umiltà per questa nuova stagione.

Sono contento dei calciatori che abbiamo e dei profili che sono arrivati, ritengo che abbiamo caratteristiche funzionali al progetto. La priorità è mettere i nostri calciatori a loro agio negli schemi e nei principi di gioco. Noi come sorpresa e con partenza sprint per sfruttare le ali dell’entusiasmo? Quello che mi preme sottolineare è che i nostri calciatori saranno sempre al centro del progetto.

Dobbiamo continuare ad avere una nostra identità, se c’è da fare una partita sporca la faremo per conquistare il risultato, che rimane la nostra priorità. Dobbiamo continuare a scrivere una pagina importante per Castellammare.

In questo mese abbiamo analizzato 15-16 partite della seconda parte dello scorso anno. Abbiamo evidenziato alcuni miglioramenti che proporremo in questa stagione.

Andare in nuovi stadi, mi carica moltissimo. Il VAR? Fa parte del calcio di oggi, sarà un’occasione di crescita per noi in un campionato di categoria superiore”.

Le dichiarazioni del ds Lovisa

“La serie B è una categoria nuova, faremo di tutto per mantenerla. La nostra linea sul mercato è quella della continuità. Noi dobbiamo andare avanti con il nostro progetto senza dare priorità al nome altisonante. A prescindere dal nome, è importante aver idee chiare su chi prendere. Cercheremo di fare il massimo.

Con Leone stiamo parlando di rinnovo. Con Tonin è stato facile prenderlo essendo a parametro zero. Dobbiamo puntare sul lavoro quotidiano del mister.

Penso di aver budget adatto per salvarci anche all’ultima giornata. Dobbiamo guardare sempre ai costi, lavorando sul potenziale dei calciatori, anche con calciatori che non vengono da grosse annate, ma che abbiano precise peculiarità su cui poi lo staff tecnico possa lavorare per migliorarne il loro apporto tecnico e contribuire così alle fortune della squadra come collettivo.

Gli episodi in partita saranno importanti, anche il punto è fondamentale in Serie B, al di là dell’arbitraggio o del VAR che sarà una nuova variabile per tutti noi e con cui saremo chiamati a confrontarci settimanalmente. Dovremo stare uniti nei momenti difficili che sicuramente ci saranno.

Nel salto di categoria, c’è grande voglia di fare bene. La scelta di un calciatore dipende da vari fattori, anche puntando sul minutaggio per i giovani. Affronteremo sicuramente un livello tecnico più alto”.

Domenico Ferraro

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano